HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Air France, ok da Commissione UE a 4 miliardi di euro in aiuti di Stato. Ira della Lega:
Un aereo della compagnia AirFrance in fase di decollo

Air France, ok da Commissione UE a 4 miliardi di euro in aiuti di Stato. Ira della Lega: "Disparità di trattamento con l'Italia"

La commissaria Vestager precisa che il sostegno "sarà fornito con vincoli", inclusa la cessione di slot orari a Parigi Orly. Ma il capo-delegazione del Carroccio al Parlamento UE Campomenosi denuncia che intanto "Bruxelles tiene in ostaggio Alitalia e i suoi dipendenti"

Bruxelles – È stato approvato oggi (martedì 6 aprile) dalla Commissione Europea l’aiuto di Stato francese da 4 miliardi di euro ad Air France, per la ricapitalizzazione della compagnia aerea e della sua holding (Air France-KLM Holding) a seguito delle difficoltà finanziarie derivanti dalla pandemia COVID-19. “Il sostegno pubblico verrà fornito con vincoli“, ha precisato la vicepresidente esecutiva e commissaria per Concorrenza, Margrethe Vestager, per garantire che lo Stato francese sia “sufficientemente remunerato” e per “limitare le distorsioni della concorrenza”.

In particolare, Air France si è impegnata a rendere disponibili slot orari all’aeroporto di Parigi Orly: “Questo offrirà alle compagnie concorrenti la possibilità di espandere le proprie attività in questo aeroporto”, ha aggiunto Vestager, “garantendo prezzi equi e una maggiore scelta per i consumatori europei”.

Duro il commento di Marco Campomenosi, capo-delegazione della Lega al Parlamento Europeo e membro della commissione Trasporti: “Da Bruxelles ancora una disparità di trattamento ai danni del nostro Paese“, che “lascia che Francia e Germania ricapitalizzino le loro aziende strategiche, mentre tiene in ostaggio il futuro di Alitalia e dei suoi dipendenti“. Per questa ragione la Lega spinge per una revisione del quadro temporaneo sugli aiuti di Stato: “Abbiamo massima fiducia nell’operato del governo Draghi, che sta portando avanti una negoziazione difficile e laboriosa”, ha sottolineato Campomenosi.

Fondo sovrano (forse in estate) e materie prime critiche, Von der Leyen lancia il piano Ue per l'industria verde
Economia

Fondo sovrano (forse in estate) e materie prime critiche, Von der Leyen lancia il piano Ue per l'industria verde

La presidente della Commissione europea von der Leyen presenta le prime idee per lo sviluppo dell'industria a zero emissioni e punta su un nuovo quadro normativo, sulla flessibilità dei fondi esistenti, sulle competenze e sugli accordi commerciali per l'approvvigionamento delle materie indispensabili, come il litio. La comunicazione sul tavolo dei capi di stato e governo al Vertice Ue del 9 e 10 febbraio, entro metà marzo le proposte legislative vere e proprie