HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Omicron, EMA:
Emer Cooke, direttrice esecutiva EMA, interviene al Parlamento Europeo (30 novembre 2021)

Omicron, EMA: "Pronti ad adattare i vaccini COVID alle nuove varianti, se necessario. 3/4 mesi per approvarli"

In audizione all'Europarlamento, la direttrice esecutiva dell'Agenzia europea per i medicinali, Emer Cooke, invita alla cautela sulla nuova variante del Coronavirus. "Sappiamo che il virus muta e abbiamo piani di emergenza, ma non è detto che serva adattare gli attuali vaccini"

Bruxelles – All’Agenzia europea dei medicinali (EMA) potrebbero volerci 3/4 mesi di tempo per approvare i vaccini adattati alle nuove varianti del Coronavirus, in caso dovessero rendersi necessari. Emer Cooke, direttrice esecutiva dell’EMA, è intervenuta questa mattina (30 novembre) all’Europarlamento, in audizione in commissione ambiente, salute e sicurezza alimentare (ENVI), per confrontarsi sugli ultimi sviluppi della pandemia e in particolare sull’ultima variante di preoccupazione Omicron.

Per ora non c’è alcuna certezza che la variante abbia capacità di fuga immunitaria, ovvero sia in grado di superare la protezione dei quattro vaccini autorizzati nella UE, AstraZeneca, BioNTech-Pfizer, Johnson&Johnson e Moderna. E Cooke ci tiene a chiarirlo agli eurodeputati, pur precisando che bisogna essere preparati a questa possibilità. La prima valutazione di rischio fatta dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) pubblicata venerdì riconosce che c’è “preoccupazione sul fatto che possa essere associata a una maggiore trasmissibilità, una significativa riduzione dell’efficacia del vaccino e un aumento del rischio di reinfezione”.

Per questo motivo “è importante continuare a diffondere il messaggio che i vaccini sono efficaci e danno protezione” e quindi convincere chi non lo ha fatto ancora a vaccinarsi e a chi è idoneo a ricevere una dose ‘booster’ (aggiuntiva). “Sappiamo però che l’efficacia diminuisce con il tempo per questo diventa fondamentale la dose di richiamo”, ha spiegato. Allo stesso tempo “bisogna prepararsi in caso sia necessario riadattarli, stiamo valutando con attenzione e abbiamo piani di emergenza, pur sperando per il meglio”.

Cooke assicura che dall’EMA si sono preparati a questa eventualità: “Sappiamo che il virus muta, sappiamo che a un certo punto ci sono mutazioni che richiedono anche un cambiamento dell’approccio attuale”. Da febbraio, aggiunge, l’Agenzia con sede ad Amsterdam ha fornito ai produttori di vaccini delle linee guida per essere preparati ad adattare rapidamente le composizioni dei vaccini a nuove varianti.

Linee guida “che ancora non sono mai state usate”, perché fino a questo momento i vaccini esistenti “hanno dimostrato di continuare ad essere efficaci contro le varianti che circolano in Europa, compresa l’ultima variante di preoccupazione Delta. Ancora “non sappiamo che questo continuerà o meno con la variante Omicron” ma insieme alle case farmaceutiche, all’Organizzazione mondiale della Sanità e le altre agenzie regolatrici internazionali sui medicinali stanno lavorando per capirlo. “Bisogna valutare la neutralizzazione incrociata dei vaccini, ci vogliono circa due settimane ed è un processo impegnativo che serve a capire se il vaccino offre protezione alla nuova variante”, ha precisato. Dal momento in cui sarà stabilito che è necessario, l’EMA impiegherà circa tre o quattro mesi per approvare i vaccini modificati.

Le dichiarazioni di Cooke arrivano dopo che l’amministratore delegato di Moderna, Stephane Bancel, in una intervista al Financial Times ha fatto capire che le numerose mutazioni nella variante Omicron (26 in tutto) la aiutano a sfuggire alla protezione dei vaccini esistenti e probabilmente sarà necessario lo sviluppo di nuovi vaccini. “Non c’è modo che l’efficacia sia allo stesso livello che abbiamo avuto con la Delta”, ha dichiarato.

Interrogata dagli eurodeputati, Cooke ha dato inoltre qualche dettaglio sul programma dell’EMA dei prossimi giorni. Entro poche settimane dovrebbe arrivare il via libera a Novavax, che diventerebbe il quinto vaccino anti-COVID autorizzato nella UE. Già entro la fine di questa settimana potrebbe arrivare il parere sulla vaccinazione eterologa, che avviene quando il vaccino usato per la dose booster è diverso da quello usato per la vaccinazione primaria: in questo caso il parere dell’EMA è di rilevanza secondaria dal momento che quasi tutti gli Stati membri già praticano la vaccinazione eterologa. In ultimo, al vaglio dell’EMA ci sono anche le terapie contro la malattia COVID-19: tre in tutto già approvate, con l’idea di approvare entro fine anno anche i due farmaci antivirali orali – le pillole di Pfizer e di Merck – che potrebbero essere molto utili, secondo l’EMA, per il trattamento della malattia anche a casa.

ARTICOLI CORRELATI

Green Pass, la Commissione propone 9 mesi di validità vaccinale standard per viaggiare in UE
Cronaca

Green Pass, la Commissione propone 9 mesi di validità vaccinale standard per viaggiare in UE

Bruxelles propone un aggiornamento delle raccomandazioni sui viaggi interni e da Paesi extra UE, l'obiettivo è evitare un nuovo quadro frammentato di regole. I certificati sanitari scadranno dopo 9 mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario, più avanti arriverà la proroga per le dosi di richiamo. Gli Stati devono approvare la proposta, che dovrebbe essere in vigore dal 10 gennaio
BioNTech-Pfizer, l'EMA raccomanda il vaccino per i bambini tra 5 e 11 anni
Cronaca

BioNTech-Pfizer, l'EMA raccomanda il vaccino per i bambini tra 5 e 11 anni

E' la prima raccomandazione per l'uso di un vaccino anti-COVID per questa fascia di età, la dose da somministrare in questo caso sarà inferiore a quella usata sugli over 12 anni (10 microgrammi rispetto a 30 µg) e può essere somministrata come per gli adulti con due iniezioni, a tre settimane di distanza la seconda dalla prima. Von der Leyen: "Dobbiamo convincere più persone a vaccinarsi"