Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina NATO Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
PAC, l'Eurocamera approva gli atti delegati della riforma. Bruxelles mette fretta ai
Janusz Wojciechowski

PAC, l'Eurocamera approva gli atti delegati della riforma. Bruxelles mette fretta ai "ritardatari" sui piani strategici

Gli eurodeputati della commissione agricoltura (AGRI) licenziano la legislazione secondaria senza opposizioni. Il commissario Janusz Wojciechowski ha inviato una notifica agli 8 Stati membri che ancora non hanno presentato i loro piani strategici a Bruxelles

Gli eurodeputati della commissione agricoltura (AGRI) licenziano la legislazione secondaria senza opposizioni. Il commissario Janusz Wojciechowski ha inviato una notifica agli 8 Stati membri che ancora non hanno presentato i loro piani strategici a Bruxelles
L'accesso agli articoli è riservato agli utenti iscritti o abbonati
ISCRIVITI o ABBONATI
Sei già iscritto o abbonato? Effettua il login

ARTICOLI CORRELATI

PAC, 18 piani strategici (anche quello italiano) sul tavolo di Bruxelles. All'appello manca un terzo degli Stati UE
Agricoltura

PAC, 18 piani strategici (anche quello italiano) sul tavolo di Bruxelles. All'appello manca un terzo degli Stati UE

La scadenza del 31 dicembre 2021 viene mancata da Belgio, Bulgaria, Repubblica Ceca, Germania, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Romania e Slovacchia, ma l'Esecutivo non intende prendere provvedimenti. "Attendiamo quelli mancanti prima possibile", ci dice un portavoce. Lunedì 10 gennaio l'Europarlamento al voto sulla legislazione secondaria della riforma
Bruxelles mette in pausa la rotazione delle colture per aumentare la produzione di cereali
Agricoltura

Bruxelles mette in pausa la rotazione delle colture per aumentare la produzione di cereali

Adottata la deroga temporanea alle norme sulla rotazione delle colture e sul mantenimento di elementi non produttivi sui terreni coltivabili per aumentare la capacità produttiva dell'Ue per i cereali destinati ai prodotti alimentari. Bruxelles stima di poter riportare in produzione 1,5 milioni di ettari rispetto ad oggi, gli Stati e gli agricoltori potranno decidere se farvi ricorso