HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Al via la prima conferenza annuale europea sul futuro dei diritti umani

Al via la prima conferenza annuale europea sul futuro dei diritti umani

Promossa da Parlamento Europeo e Fight Impunity. All'evento del 16 e 17 giugno verrà promossa una relazione del 2021. Panzeri: “È la complessità l’elemento con cui governare questi processi”.

Bruxelles – Il Servizio di ricerca del Parlamento Europeo e l’organizzazione no profit Fight Impunity hanno presentato la prima conferenza internazionale annuale sul futuro dei diritti umani, che si terrà il 16 e 17 giugno a Bruxelles. Al nuovo appuntamento, organizzato dai due enti con la partecipazione di No Peace without Justice, verrà promossa una relazione che fa il punto sull’impunità e i diritti dell’uomo nel 2021.

“C’è una recrudescenza dei conflitti armati ad alta intensità, come nel caso dello Yemen”, ha affermato Maria Arena (S&D), presidente della sottocommissione dei Diritti umani del Parlamento europeo, nella conferenza stampa di apertura. “Quelli a bassa intensità sono invece conflitti più estesi nel tempo, come nella Repubblica Democratica del Congo, con oltre sei milioni di morti nell’est del Paese, in Afghanistan, Siria – ha proseguito l’eurodeputata – sono meno spettacolari”, ma, sul piano dei diritti umani, con “omicidi ai danni dei difensori dei diritti umani e di chi è nelle carceri, e pressioni verso i giornalisti”. L’Europa deve occuparsene, “insieme agli alleati, nei consessi internazionali”, altrimenti saranno minacciati i diritti di tutti, ha detto Arena.

Anche Pier Antonio Panzeri, ex eurodeputato e presidente di Fight Impunity, è intervenuto spiegando: “Con questa conferenza e con quelle che seguiranno stiamo tentando un nuovo approccio al tema dei diritti umani e dell’impunità”. Ricorda quindi che “in un recente incontro tra Vladimir Putin e Xi Jinping, Xi ha usato una metafora: se le scarpe si adattano, lo sa solo chi le porta”. Vuol dire che “ognuno misura sulla base dei propri interessi e regole del gioco cosa significano diritti umani e impunità. Ciò va fermato, perché sta portando a uno svuotamento dell’ONU, della Corte penale internazionale, dell’OMS”. Quindi l’affondo: “Per essere coerenti nella difesa dei diritti umani è necessario che l’UE abbandoni una certa ‘doppia morale’”. Per il presidente di Fight Impunity è necessario mantenere degli spazi di dialogo. “Non va messo in campo nessun tipo di conflitto ideologico tra democrazie e autocrazie”, ha aggiunto, “è la complessità l’elemento con cui governare questi processi”.

Proprio in favore della complessità, alla conferenza è previsto un intervento della presidente del Parlamento Europeo Roberta Metsola, del premio Nobel per la Pace e premio Sakharov Denis Mukwege, dei parlamentari Isabel Santos (S&D), Maria Soraya Rodriguez Ramos (Renew Europe), Sara Matthieu (Verdi), Lukas Mandl (Partito Popolare Europeo) e di una serie di difensori dei diritti umani e membri del mondo accademico. Oggetto di dibattito saranno anche il legame tra il futuro dei diritti umani e i diritti sociali e gli spazi per la loro giurisdizione internazionale.