HOT TOPICS  / Hge Invasione russa in Ucraina Unione della Salute Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
In ripresa la produzione cerealicola nell'UE, la Francia è la prima produttrice

In ripresa la produzione cerealicola nell'UE, la Francia è la prima produttrice

Il 12% della produzione di cereali nel mondo viene dall'Unione Europea. Ma siamo ancora lontani dai livelli del 2014. L'Italia rimane bassa rispetto alle altre grandi nazioni

Bruxelles – Dagli ultimi dati Eurostat si evince che l’Unione Europea al 2017 gestiva il 12% della produzione mondiale di cereali. E se è vero che rispetto al picco del 2014, in cui l’UE aveva prodotto circa 333 milioni di tonnellate di cereali, ad oggi siamo ancora in negativo, con circa 310 milioni di tonnellate,  la coltivazione di questi alimenti fa intravedere piccole riprese su base annua, con un +2,7% rispetto al 2016. Questo nonostante la grande siccità che negli ultimi anni ha colpito il vecchio continente, il quale ha perso oltre 1,6 milioni di ettari di terre coltivabili.

Grano e farro occupano i primi due posti della classifica rappresentando circa il 46% della produzione, cui seguono mais (21%) ed orzo (19%). Il resto dei cereali si attesta al 14%.

La Francia si conferma ancora una volta come il più grande granaio dell’Unione Europea con un raccolto di circa 73 milioni di tonnellate. Di cui 36,5 rappresentate da grano e farro, 12,1 da orzo e 14,5 dal mais.

Primato alla Polonia per la produzione di segale e avena, con rispettivamente 2,9 e 1,5 milioni di tonnellate prodotte. Meno rilevante l’Italia, che fa registrare qualche numero importante solamente sulla produzione del mais, con circa 6 milioni di tonnellate. Più in generale, Roma segue il trend europeo al ribasso, passando da una produzione cerealicola di 19 milioni di tonnellate nel 2014 a 16 milioni nel 2017.

ARTICOLI CORRELATI

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia:
Economia

Stretta Ue sugli imballaggi, la Commissione propone obiettivi di riuso per ridurre i rifiuti e rassicura l'Italia: "Molto è stato fatto, ma vogliamo di più"

Nel quadro del pacchetto sull'economia circolare, la Commissione propone la controversa revisione della direttiva imballaggi che ha destato preoccupazione in Italia. Il vice presidente Timmermans in italiano chiarisce che “nessuno vuole mettere fine alle pratiche di riciclo che funzionano bene o mettere in pericolo gli investimenti”