HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Qatargate Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE Hge
Corte dei conti UE: la PAC poco efficace contro la perdita di biodiversità nei terreni agricoli

Corte dei conti UE: la PAC poco efficace contro la perdita di biodiversità nei terreni agricoli

I revisori di Lussemburgo chiedono maggiore coordinamento tra strategie UE per la conservazione delle specie e l'aumento dei pagamenti diretti alla tutela della biodiversità

Bruxelles – La politica agricola comune (PAC) dell’Unione europea non è stata finora efficace contro la perdita della biodiversità dei terreni agricoli in Europa, di cui è responsabile in buona parte anche l’agricoltura intensiva. Lo sottolinea l’ultimo rapporto della Corte dei conti europea sul ruolo della politica agricola comune nel conservare la varietà delle specie animali e vegetali sul pianeta, pubblicato nel giorno in cui si celebra la giornata mondiale dell’Ambiente.

Da anni ormai si osserva, in Europa e nel mondo, una perdita graduale del numero e della varietà di specie presente nei terreni agricoli, dovuta soprattutto ai cambiamenti climatici. L’UE menziona tra i propri obiettivi strategici per la sostenibilità proprio la salvaguardia del paesaggio e delle specie, ma la Corte di Lussemburgo ha rilevato “carenze” nella strategia europea sulla biodiversità fino al 2020, adottata dalla Commissione nel 2011, e nel suo coordinamento con la politica agricola comune. Il monito della Corte dei Conti europei arriva a pochi giorni dalla presentazione da parte della Commissione europea della nuova strategia europea per la biodiversità al 2030, che punta, tra i vari obiettivi, a trasformare almeno il 30 per cento rispettivamente delle terre e dei mari europei in ‘aree protette’ e ripristinare almeno il 10 per cento delle aree agricole in caratteristiche paesaggistiche ad alta diversità.

Per la protezione della biodiversità, sottolineano da Lussemburgo, l’UE gioca un ruolo fondamentale perché non solo definisce gli standard ambientali ma cofinanzia anche la maggior parte delle spese agricole degli stati membri. Nel bilancio comunitario in scadenza (2014-2020), la Commissione ha previsto risorse pari all’8,1 per cento (circa 86 miliardi di euro) per la biodiversità, di cui una componente importante (il 77 per cento, in cifre 66 miliardi di euro) finanziati proprio dalla Politica agricola comune. Tuttavia, l’azione della PAC “non è stata finora sufficiente a contrastare il declino della biodiversità nei terreni agricoli, una grave minaccia sia per l’agricoltura che per l’ambiente”, spiega Viorel Ștefan, il responsabile della relazione.

I pagamenti diretti della PAC agli agricoltori rappresentano circa il 70 per cento di tutte le spese agricole dell’UE, ma la Corte evidenzia che le modalità con cui la Commissione monitora che tali risorse siano dirette alla conservazione della biodiversità nei terreni agricoli “non sono affidabili” a causa di quelle che vengono definite debolezze metodologiche. Inoltre, lamentano i revisori di Lussemburgo, gli effetti di tali pagamenti sulla biodiversità nei terreni agricoli sono limitati oppure “non conosciuti”. Insieme ai finanziamenti diretti, devono essere ulteriormente sfruttati gli strumenti di sviluppo rurale dell’UE che hanno “maggiori potenzialità di mantenere e migliorare la biodiversità”.

L’approccio della Commissione per i prossimi anni è positivo. Le proposte per la PAC post-2020 e la strategia sulla biodiversità fino al 2030 “mirano a rendere la PAC più reattiva di fronte a sfide quali la perdita di biodiversità, i cambiamenti climatici o il rinnovo generazionale, continuando al tempo stesso a sostenere gli agricoltori europei per ottenere un settore agricolo sostenibile e competitivo”. Nell’ultima proposta sul bilancio comunitario, l’esecutivo prevede anche di aumentare le risorse destinate all’agricoltura di circa 26 miliardi e mezzo rispetto alla proposta del maggio 2018 e di potenziare i pagamenti diretti della PAC.

Nel complesso però la Corte ha raccomandato alla Commissione di coordinare meglio la strategia sulla biodiversità fino al 2030 appena presentata, potenziando anche il contributo dei pagamenti diretti e dello sviluppo rurale alla biodiversità nei terreni agricoli. Maggiore attenzione deve essere riservata al tracciamento delle spese che sono destinate alla tutela delle specie e da Lussemburgo  propongono anche di elaborare indicatori affidabili sulla biodiversità nei terreni agricoli per valutare l’impatto, positivo o negativo, degli strumenti a disposizione della PAC sulla tutela delle specie.

ARTICOLI CORRELATI