Sostieni
il giornalismo di qualità
ABBONATI ORA
HOT TOPICS  / Invasione russa in Ucraina Elezioni 2022 Coronavirus Recovery plan Energia Allargamento UE
Nutriscore, l'etichetta della discordia che divide l'Europa

Nutriscore, l'etichetta della discordia che divide l'Europa

Parigi decisa a usare la presidenza francese del Consiglio dell'UE, nella prima metà del 2022, per fare pressione sulla Commissione UE sull'adozione del sistema di etichettatura a semaforo. Ma anche nei Paesi dove i governi promuovono il Nutriscore il fronte comincia a traballare

Parigi decisa a usare la presidenza francese del Consiglio dell'UE, nella prima metà del 2022, per fare pressione sulla Commissione UE sull'adozione del sistema di etichettatura a semaforo. Ma anche nei Paesi dove i governi promuovono il Nutriscore il fronte comincia a traballare
L'accesso agli articoli è riservato agli utenti iscritti o abbonati
ISCRIVITI o ABBONATI
Sei già iscritto o abbonato? Effettua il login

ARTICOLI CORRELATI

Tutela dei prodotti alimentari, per il senatore Fantetti l'Italia deve giocare una battaglia unitaria e internazionale
Agricoltura

Tutela dei prodotti alimentari, per il senatore Fantetti l'Italia deve giocare una battaglia unitaria e internazionale

Intervista con il senatore europeista, esperto nella valorizzazione del made in Italy. Un errore le rivendicazioni provinciali, la battaglia si gioca in Europa e "dobbiamo mandare le nostre mozioni a tutte le cancellerie". E sulla legge che tutela la ristorazione italiana nel mondo non si perda più tempo e si vari il decreto di attuazione
Bruxelles mette in pausa la rotazione delle colture per aumentare la produzione di cereali
Agricoltura

Bruxelles mette in pausa la rotazione delle colture per aumentare la produzione di cereali

Adottata la deroga temporanea alle norme sulla rotazione delle colture e sul mantenimento di elementi non produttivi sui terreni coltivabili per aumentare la capacità produttiva dell'Ue per i cereali destinati ai prodotti alimentari. Bruxelles stima di poter riportare in produzione 1,5 milioni di ettari rispetto ad oggi, gli Stati e gli agricoltori potranno decidere se farvi ricorso