Bilancio pluriennale, risorse proprie e condizionalità dello stato di diritto: l'Eurocamera approva
risorse proprie

Bilancio pluriennale, risorse proprie e condizionalità dello stato di diritto: l'Eurocamera approva "l'accordo storico"

Voto definitivo del Parlamento per sbloccare le risorse del Bilancio a lungo termine (2021-2027) e del Recovery Fund, che per l'Italia vale quasi 209 miliardi per la ripresa economica. La Lega si astiene. Sassoli: "Un bilancio storico per un momento storico"
Bilancio e Recovery Fund, Merkel alla caccia di un compromesso sul meccanismo di tutela dello stato di diritto
risorse proprie

Bilancio e Recovery Fund, Merkel alla caccia di un compromesso sul meccanismo di tutela dello stato di diritto

La proposta di Berlino accusata di ammorbidire il vincolo tra fondi europei e rispetto dei valori UE. Ungheria e Polonia minacciano il veto sulle nuove risorse proprie dell'Unione. Negoziati sul bilancio in stallo: si rischia l'esercizio provvisorio
Parlamento e presidenza tedesca del Consiglio avviano i negoziati sul Bilancio UE a lungo termine
risorse proprie

Parlamento e presidenza tedesca del Consiglio avviano i negoziati sul Bilancio UE a lungo termine

Dovranno trovare un compromesso sulle risorse dell'Unione per i prossimi sette anni. "Vogliamo raggiungere un accordo, ma dovrà essere un buon accordo", dice il presidente della commissione per i bilanci, Johan Van Overtveldt, al termine del primo colloquio tra le due delegazioni
Macron rilancia l'Europa politica:
risorse proprie

Macron rilancia l'Europa politica: "Abbiamo bisogno di una maggiore sovranità europea"

Il presidente francese si accredita come leader pro-Ue e critica quanti lavorano in senso contrario. "Ci troviamo in una forma di guerra civile europea, con egoismi nazionali che appaiono più importanti di ciò che unisce". "Non sono i popoli ad aver abbandonato l’idea europea". L'Aula lo applaude. Juncker: "Torna la vera Francia"
Bilancio Ue, Tajani:
risorse proprie

Bilancio Ue, Tajani: "Da Parlamento passo avanti per risposte a cittadini"

La proposta degli eurodeputati prevede più risorse (passando dall'1% all'1,3% del Pil Ue), da coprire in parte colpendo i paradisi fiscali e istituendo una web-tax. Il presidente dell'Aula: "Non mettiamo le mani nelle tasche dei cittadini"